Lettera di una mamma a sua figlia

lettera a una figlia femmina speciale

A una nipote e a una sorella.

Quando eri nel mio grembo io fantasticavo, ho fantasticato su come ti avrei reso bellissima, sui vestiti che avrei comprato per te, sui fiocchi rosa, sulle ballerine bianche, ho fantasticato sul tuo nome, sui tuoi occhi, sui tuoi lunghi capelli da spazzolare, ti ho amata da subito, ti ho amata da figlia.

Poi sei nata e finalmente avevo una principessa con una tutina rosa tra le braccia . Zia diceva che senza capelli  eri davvero buffa, aveva ragione, eri buffa, sembravi un maschietto con una tutina rosa, ma sin da subito ti sei presentata come sei: una figlia ribelle e speciale.

Tutti i bimbi appena nati vogliono stare in braccio, tu no, preferivi la cesta bianca. Tutti i bimbi appena nati vogliono dormire con la mamma, tu no, preferivi la culla. I bambini pretendono di essere abbracciati e cullati, tu no, dopo un bacio scappavi via. Sin da subito sei stata anticonformista ed io pian piano mi sono abituata a te.

Eri uno spasso sai? Non piangevi mai!

Hai imparato presto a parlare, a contare, a mangiare da sola, senza fatiche hai imparato a scrivere e a leggere, hai imparato tutto e subito, eppure mi sembra di non averti insegnato nulla.

Quando eri piccola i tuoi capelli non crescevano mai e quei fiocchi rosa in testa alla fine non li abbiamo mai messi. Ti piaceva correre ed essere libera e quei vestitini color pesco in realtà non li abbiamo mai comprati. Ti piace cantare e non ballare e le scarpette da danza le abbiamo già appese al chiodo. Ecco, eri e sei, tutto e il contrario di tutto, questa sei tu e sei diversa da quello che m’aspettavo.

Sei sveglia, sei sicura di te, sei precisa, assomigli a tutto tranne che una bambina della tua età, ed io con te a volte non mi sento una buona madre.

Ti ho amata e ti amo alla follia ma succede che mi sento persa davanti alla  tua forza, una forza inesorabile che spesso sento mi vuole prevalere.  Il tuo coraggio un po’ mi spaventa, sei ribelle come ribelle, io, non sono mai stata, sei grande come forse, grande, io non sono ancora.

Davanti a te, che a volte hai poco bisogno di me, sto crescendo anche io, mi faccio cullare dal tuo amore e chissà se tu riesci a sentire il mio.

Tu sei sempre un passo avanti, sei sempre stata un passo avanti. Eri un passo avanti all’asilo, sei un passo avanti a scuola, vuoi essere un passo avanti ai tuoi coetanei, sei sempre pronta a dimostrare, dimostrare a tutti  che tu sai fare bene tutto. Poi però sul più bello scoppi in lacrime, quasi incapace di sopportare un peso che tu stessa vuoi portare addosso.

Le nostre bambole le abbiamo vestire e rivestite un miliardo di volte, i castelli fatati li abbiamo scoperti tutti, insieme abbiamo riempito la tua stanza di rosa e di Barbie, ma tu non hai mai voluto essere davvero bambina. Ma tu sei una bambina! Sei piccola per le cose da grandi ma non te ne rendi conto.

Mi chiedo quale corso avrei dovuto sostenere prima di metterti al mondo, mi chiedo ogni giorno come posso e potrò mai essere all’altezza di ciò che sei, io per te vorrei cose belle, cose speciali, cose meravigliose e vorrei aiutarti, vorrei sostenerti, vorrei essere la mamma che tu meriti perché tu sei la figlia che io ho meritato.

Sai, non è facile essere tua madre ma io è tua madre che voglio essere.

Sei sensibile, sei speciale, sei una colomba bianca che vuole volare ed io ho paura di lasciarti andare.

I sogni a volte superano di gran lunga la realtà e con te è andata proprio così, ti ho sognata speciale ma tu sei unica.

Ti chiedo solo, bimba mia, di non dubitare mai del mio amore, anche quando non comprendo, anche se mi ribello alla tua ribellione, i ruoli non si scambiano e la mamma sono io. Sii figlia perché ne avrai tempo per essere madre.

Cresci piccola e cresci a piccoli passi, non correre, non saltare le tappe, non bruciare gli ostacoli, respira la vita e non sognare di essere grande perché  per essere grande ne avrai di tempo, bambina invece, si è una volta sola!

Senza te sarei una mamma a metà, adesso fatti cullare e fatti amare come solo una madre sa fare.

Con amore,

mamma M.

  • nancy suares

    bellissima …