E’ solo una sfida tra #papàepannolini

Si torna a casa. La mamma (io) ha fatto il suo dovere, sottolineerei felicemente ha fatto il suo dovere. Dopo 9 mesi di nausea, gonfiore, crisi ormonali da gravidanza, con 15 kg in più e un travaglio di 18 ore ha dato alla luce la sua stupenda creatura! Benissimo, sin qui tutto ok!

Non è stata una passeggiata ma  tutto è bene ciò che finisce bene!

Forza babbo, il più è stato fatto! Andiamo a casa, da oggi saremo in 3.Abbiamo parlato e riparlato di come educare, crescere, amare nostro figlio, abbiamo capito tutto vero?

Se piange di notte ci alterniamo!  Se ha fame,il latte è quello in polvere che va miscelato con acqua rigorosamente naturale( sfortunatamente non ho potuto allattare), non teniamolo troppo in braccio altrimenti rischiamo di viziarlo, per le colichette semi di finocchio e massaggino sulla pancia! E’ tutto chiaro?

Si chiarissimo! Dura non dormire la notte e molto più dura è sopravvivere alle colichette!  Ma possiamo farcela è tutto sotto controllo.

Tutto sotto controllo, certo, papà ce la può fare! Ce la sta mettendo tutta, al mattino sembra uno zombie mummificato ma il rischio è il suo mestiere! Avrà tempo per dormire visto che la notte ormai si veglia. Tutto preventivato, qualche battuta d’arresto, ma papino è un duro e se la sa cavare.

Mah, c’è sempre un ma…non fila mai tutto liscio come l’olio.

Ecco la richiesta da 100 mila dollari: “Scusa caro, puoi cambiare tu il pannolino al piccolo?”

Dopo un minuto di silenzio una voce rompe ogni indugio: “Ma chi, io?”

“Tu, si proprio tu, c’è un altro caro in casa”?

Panico! Espressione tipica di chi pensa ma non dice: “Chiedimi tutto ma non il pannolino”

E’ un pannolino, un semplice pannolino che va tolto, ripiegato e cestinato! Sei forte papà! Facci vedere quanto vali?

“Come procediamo?  La crema dov’è? Il pannolino? Le salviette? Meglio lavare con acqua corrente? L’asciugamano?" 

Povero babbo! Un corso pre babbo non l’hanno ancora inventato, si dovrebbe provvedere! 

Ed eccoci all’atto finale, papà ha ceduto, non può rischiare di far la figura del mammalucco, in fondo è solo un pannolino da cambiare!  

Ammetto, è dura tenere i nervi saldi quando una mamma "rompiscatole” fa la suggeritrice indesiderata. “Il panetto va arrotolato, non usare le salviette se hai l’acqua dietro di te, attento che la schiena non si curvi troppo, usa il detergente delicato e la cremina anti rossore, asciuga con tovaglietta di lino, cambia anche il body!  Visto che ci sei puoi fargli anche il bagnetto?

Noi mamme non scherziamo, clemenza zero davanti ad un uomo alle prime armi, un "babbuccio” che pur di uscirne con una medaglia tiene i nervi saldi e procede con la sua missione impossibile.

“E’ solo il primo cambio caro!”

La sua risposta? “Se non taci sarà anche l’ultimo”

Eppure super papi dopo un milione di domande porta a termine la sua missione! A dire il vero il primo tentativo fallisce con un pannolino infilato al rovescio, ma niente paura,lui  non si abbatte e non si arrende,  rifà tutto daccapo e questa volta si merita un 10 e lode. Le sue grandi mani impacciate alle prese con una “popò” e un essere piccolo e fragile erano da incorniciare! 

Con un pizzico di nostalgia con questo racconto son tornata in dietro di 5 anni! Bei tempi, belle emozioni, piccoli grandi gesti che ci hanno reso famiglia. 

Oggi super papà non ha certo più paura di un pannolino e una crema e se devo essere sincera, da un po’ di anni, quasi ogni sera, fa il bagnetto al nostro bambino, gli lava i capelli, gli taglia le unghiette, gli pulisce le orecchie, spalma la crema, io lo guardo e penso: “ Ne hai fatta di strada, ora sei davvero un superbabbo”.

“Questo post è sponsorizzato da Babyfoille.
Con la nuova formulazione esclusiva di BabyFoille gli arrossamenti da pannolino non fanno più paura! Scopri di più su www.babyfoille.it”

Lascia un commento