Cresce chi legge?

Secondo voi, cresce chi legge?

Io credo di si, leggere vuol dire conoscere, imparare, scoprire e conoscendo, imparando e scoprendo si cresce meglio.

Per questo motivo, quando mi è giunta la mail che mi invitava a scrivere del progetto “Cresce chi legge” 2014, ideata e promossa da “Nati per Leggere Lombardia” con il sostegno di Regione Lombardia, ho accettato l’invito.

Obiettivo della campagna è la donazione di libri per la primissima infanzia e si rivolge alle famiglie che vivono sotto la soglia della povertà (in Lombardia circa 3600), è giusto che anche i bambini più poveri, che vivono in situazioni più disagiata abbiano la possibilità di crescere, apprendere, imparare attraverso la lettura.

Leggere sembra un’attività scontata invece si tratta di una “buone pratica” non ancora molto diffusa e promossa, nonostante il grande impegno dei competenti del settore. Si è accertato che in  Italia c’è un’alta percentuale di case in cui i libri per bambini non entrano, almeno fino a quando i bambini non imparano a leggere in modo autonomo. Dato, forse, allarmante, perché leggere ai bambini, fin dalla primissima infanzia, migliora le loro capacità linguistiche, le future prestazioni scolastiche e, in generale promuove l’autostima e la consapevolezza di se stessi attraverso la conoscenza approfondita della propria lingua madre.

Nati per Leggere Lombardia nel 2013 ha realizzato uno spot per la promozione del proprio messaggio patrocinato da Pubblicità Progresso, è importante sottolineare che è dal 1999 che l’associazione si occupa di diffondere la lettura precoce ai bambini operando in tutta Italia, in 1.195 comuni grazie al prezioso aiuto di 7.468 volontari specializzati, presente in circa 1.500 strutture, fra biblioteche, scuole e nidi dell’infanzia, associazioni culturali, ambulatori pediatrici e ospedali.

E’ possibile sostenere la campagna  attraverso Rete del Dono: http://www.retedeldono.it/cresce-chi-legge .

Continuano gli incontri nelle biblioteche e nei consultori milanesi (città e hinterland).Le date e i programmi saranno presto su www.natiperleggere.it.

Contenuto non sponsorizzato, ho aderito all’iniziativa perché utile, costruttiva, mirata ai bambini meno fortunati.

Sabina B.

Lascia un commento